PROVA
Una presentazione da dio - Ghost Presenter
1104
single,single-post,postid-1104,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12.1,vc_responsive
Papa-TED-ghost-presenter-presentazione-da-dio-efficace

28 Apr Una presentazione da dio

Il TED Talk di Papa Francesco.

Lo speech del Papa è una presentazione divina. Non solo per gli argomenti che affronta, ovviamente, ma per le capacità di presentazione di Francesco.

Vediamole insieme:

Linguaggio non verbale: seppur limitato dalla posizione seduta e da una regia non capace di valorizzare i gesti e gli occhi dello speaker, Papa Francesco accompagna e sottolinea le parole con gesti eloquenti, precisi. Il volto e soprattutto gli occhi raccontano una storia di un uomo vero, che crede in ogni singola parola che dice.

Linguaggio paraverbale: nonostante un senso di stanchezza dell’uomo, il Papa varia il ritmo, usa toni diversi che colorano il discorso, inserisce pause sapienti nei momenti topici sottolineando così concetti più importanti. Anche le piccole incertezze nella lingua concorrono a rendere il presentatore umano, credibile, vero.

Linguaggio verbale: Francesco usa, come ci ha abituato, una prosa fluida, estremamente chiara, fatta di parole semplici e frasi brevi. Lo speech è costruito per coinvolgere, comprendere ed essere compreso da tutti, da tutte le persone che sono “tu”, che sono “noi”.

Struttura

Lo speech parte dal tema di TED e lo sviluppa su 3 punti, 3 messaggi principali (3 numero perfetto non solo nel divino ma anche nelle presentazioni). Il finale riprende l’inizio rendendo il discorso estremamente efficace grazie anche ad un climax che culmina con una call to action.

Tempo

18 minuti, estremamente densi, mai noiosi o scontati.

Metafore e citazioni

Utilizzo di molte metafore, parabole e citazioni per unire il divino all’umano e dimostrare ancora una volta la verità dell’uomo che sta parlando.

Empatia

Il papa, durante tutto lo speech, non è mai cattedratico o distante, e soprattutto non giudica.

Il papa nel suo discorso parla di “abbassarsi” al livello dell’altro come segno di comprensione e di tenerezza, anche il suo discorso si “abbassa” a livello dell’uomo comune. Lo coinvolge, anticipa i dubbi nell’audience e risponde, portandolo per mano.

E a voi cosa è piaciuto?

 

No Comments

Post A Comment